Your address will show here +12 34 56 78
Social network, Uncategorized, Video

I video virali fanno parlare le persone, che ti facciano ridere, commuovere o spaventare. Condividi con tutti quelli che conosci gattini e panda che starnutiscono come se fosse assolutamente necessario per la vostra amicizia. E lo è perché le persone si legano tramite le emozioni.

 

Risposta emotiva

Probabilmente questa è una delle ragioni principali che rende un video virale. La condivisione di informazioni è importante, anche se molti dei contenuti più popolari online non sono particolarmente informativi. I video virali informativi sono generalmente divertenti e “leggeri”. Come si dice, ridere è la medicina migliore. I video che possono farci sorridere e dimenticare dei problemi sono i più visti sul feed di Facebook.

Viral

 

Pertinenza e ingaggiamento del pubblico

La pertinenza del contenuto al pubblico è fondamentale, come è la condivisione al momento giusto. I video che giocano sulle forme esistenti di intrattenimento generano visualizzazioni attraverso quei termini di ricerca che sono estremamente comuni. Le parodie rientrano in questa categoria; un esempio famoso è il video parodia della canzone “Call Me Maybe” di Carly Rae Jepson.

 

 

Il video al 2 Maggio 2017 conta più di 25 milioni di visualizzazioni  su Youtube. Il video ha reso il comico Steve Kardynal una star di YouTube, che, a sua volta, ha pubblicato molti altri video diventati popolari inclusa la parodia di “Wrecking Ball” di Miley Cyrus.
La natura inaspettata di questo video lo rende divertente per chi lo guarda, specialmente quando si mettono nei panni degli utenti di Chat Roulette che reagiscono alla parodia. Questo riporta in gioco il fattore di ingaggiamento che può essere la chiave per rendere virale un video.

La campagna pubblicitaria per “Old Spice” ha avuto successo giocando con la popolarità dell’attore Isaiah Mustafa. Hanno fatto delle video-risposte alle domande sul video mantenendo lo stile della pubblicità.

 

 

Questo è un esempio di campagna video virale con una grossa spesa, anche se la maggior parte delle volte un video virale ottiene visualizzazioni organicamente senza spese. In parte questo è dovuto al comportamento che hanno gli utenti quando sentono che gli si sta cercando di vendere qualcosa, sono più esitanti a guardare e condividere. Non puoi ottenere più risultati organici con video di bambini e cuccioli di panda. Anche se ci sono delle eccezioni, la maggior parte dei video virali tende a trasmettere alle persone emozioni positive.

 

Dunque se state provando a fare un video virale per promuovere la vostra attività la chiave è “non provare a promuovere troppo la vostra attività”! Se avete un’idea originale o un concetto che può far sorridere le persone allora cercate di portarlo in pubblicazione. Evitate solo di forzare le persone a condividerlo. Chiedetevi cosa potrebbe piacere alla vostra clientela e fate del vostro meglio per renderli partecipi.

0

Contenuti, Velocità, Video
Ci viene spesso chiesto se sia meglio caricare video sul proprio sito o su siti come Youtube, Vimeo o Facebook per poi riproporli e trasmetterli sul proprio sito. Come ogni cosa che riguarda il web non c’è una risposta precisa e diretta. Per questo abbiamo deciso di raccogliere in due liste i vantaggi di ciascun sistema.

Caricati sul proprio sito

  1. Tutti i dati sono tuoi – Il video viene trasmesso dal tuo sito pertanto il possesso del video è al 100% vostro. Nessuno può segnalare il vostro video e non può essere cancellato. Risulta anche più difficile il download dall’utente medio.
  2. Più traffico – Se qualcuno vuole condividere il tuo video, l’unico posto in cui lo può trovare è il tuo sito, quindi tutto il traffico generato dalle visualizzazioni del video va anche al tuo sito.
  3. Controllo del design Avere il video trasmesso sul proprio sito permette di avere il controllo completo del design del player. Questo significa che non ci saranno marchi di altre aziende.
  4. Nessuna distrazione – E’ già successo che dopo aver visto un video trasmesso da Youtube su un sito si è finiti sul video di un cane che non riesce a prendere il biscotto. Se il video è trasmesso dal tuo sito l’utente non potrà distrarsi e continuerà la lettura.



Caricati su una piattaforma di terze parti

  1. Nessun consumo del traffico disponibile – Ogni volta che qualcuno visualizza un video consuma parecchio traffico che potrebbe risultare in problemi se il vostro traffico è limitato.
  2. File più leggeri – Le piattaforme di video-sharing hanno algoritmi in fase di upload che comprimono il video alleggerendolo e permettendo alla pagina di caricare più velocemente.
  3. Facile da utilizzare – Caricare i video su queste piattaforme è molto semplice. Sicuramente più semplice che caricare il video sul proprio sito ed integrarlo sulla pagina.
  4. Traffico social – Così come ci si può distrarre dopo aver guardato il video può anche succedere che altri incappino sul tuo video cercando quelli della concorrenza.
  5. Compatibilità con la maggior parte dei dispositivi – I vari dispositivi e browser possono richiedere formati file diversi. Le piattaforme di terze parti sono in grado di convertire e mettere a dispozione tutti i formati necessari automaticamente.

Come potete vedere entrambe le vie che si possono prendere hanno diversi vantaggi. In base ai risultati che volete ottenere si può attuare uno dei metodi, ma l’uso di una piattaforma come Youtube risulta essere molto comodo e affidabile.

Seguici sui social e sul nostro sito per non perdere i nostri aggiornamenti.

 

0