Your address will show here +12 34 56 78
Contenuti, SEO

I contenuti sul tuo sito portano sia visite organiche che quelle a pagamento. Determinano in che posizione finirai sulle ricerche e istituiscono credibilità nel mercato. Ogni articolo deve essere scritto per due tipi di lettori: il pubblico generale e i motori di ricerca. Per raggiungere il primo bisogna soddisfare quest’ultimo. Ma come si scrivono articoli che vengono indicizzati da Google?


copywriting seo indicizzazione


Contenuti che migliorano l’indicizzazione su Google

Guarda il modo in cui trovi quello che cerchi su Google. Per prima cosa cerchi un termine preciso e poi scorri i risultati che ti mostra. Malgrado i milioni di risultati che si ottengono dalla ricerca è improbabile che ne visualizzate più di 30. In realtà la maggior parte delle persone non supera la seconda pagina dei risultati.

Il vostro sito dovrebbe posizionarsi nelle prime due pagine dei risultati per farvi trovare dai vostri clienti. Ci sono molti fattori che determinano il posizionamento del sito nei risultati, avere contenuti rilevanti ha un certo peso. Google determina la pertinenza con l’uso di parole chiave (keywords) all’interno del contenuto. Quindi se non venite indicizzati da Google dovreste ricontrollare i vostri contenuti.

Però va oltre. Ci sono anche regole di formattazione e trucchi per scrivere che migliorano il posizionamento.

Perché è necessaria la formattazione?

Google non è una persona. Non può determinare soggettivamente quale sito è pertinente alla ricerca è quale no. Invece Google usa degli algoritmi che cercano determinate keywords e frasi connesse. Da queste, Google determina lo scopo del tuo sito. Se il tuo sito è propriamente organizzato, e segue le giuste regole di formattazione allora può spingere il tuo sito più in alo nei risultati.


Come scrivere contenuti che vengono indicizzati da Google

Per determinare la pertinenza dell’articolo l’algoritmo di Google cerca le parole chiave in posizioni specifiche nel testo. Il resto del testo viene usato per decifrare il significato delle parole chiave.

Per esempio, “Play station” si riferisce ai video giochi ma “play station”, in inglese, può anche riferirsi al parco giochi degli asili. La parola “Play” non basta per far capire a Google se è un verbo oppure un nome proprio come nel caso di “Playstation”.

Seguendo certi consigli di ottimizzazione si avranno più possibilità di far afferrare il significato a Google. Sapere dove Google guarda per cercare le parole chiave è un buon inizio. Per chi ha un sito sviluppato con wordpress si possono installare alcuni strumenti che possono aiutare dando suggerimenti su dove inserire le parole chiave che si stanno trattando per avere più probbilità nel posizionarsi sui primi risultati di Google.


scrivere contenuti

I nostri consigli ai nostri lettori

  • Inserite le parole chiave nel primo paragrafo dell’articolo. Questo punto è molto importante.
  • È una buona idea inserire le vostre keywords nell’ultimo paragrafo.
  • Fate in modo che nell’URL dell’articolo sia presente anche la parola chiave principale.
  • Fate lo stesso anche con il titolo.
  • Inserite delle immagini nell’articolo e fate in modo che sia il titolo che l'”alt text” includano le vostre parole chiave(approfondiremo questo punto in un articolo prossimamente).


    Seguendo alcune regole di SEO base potete avere più possibilità nel far trovare i vostri articoli su Google. Se volete raggiungere obbiettivi più concreti potete assoldare copywriter che fanno questo di lavoro. Nel nostro studio Michele si occupa di scrivere articoli per i nostri clienti.
0